parquet in terrazza

IL PARQUET IN TERRAZZA E GLI AMICI

Possedere un terrazzo e decidere di optare per un pavimento in legno è certamente molto fashion, anche negli ambienti esterni il parquet, conferisce sicuramente un’atmosfera elegante a terrazze, patio, piscine e giardini.parquet in bagno 2

Se fino a pochi anni fa il parquet era reputato un tipo di rivestimento delicato e quindi utilizzato esclusivamente per ambienti interni, oggi viene usato per pavimentare qualunque spazio sia per ambienti all’interno, che per l’esterno. Un esempio è l’aeroporto Marco Polo di Venezia, area partenze, dove è presente parquet industriale.

Per gli ambienti esterni è necessario scegliere una tipologia di legno duro, resistente all’umidità e alle deformazioni dovute all’azione continua degli agenti atmosferici.

tra le tipologie più consigliate troviamo il parquet IPE (provenienza sudamericana, color marrone con piacevoli sfumature dai toni del rosso al verde). Il teak (origine asiatica, elegante e prezioso, duro e resistente) e il frassino (provenienza europea, colorazioni chiare e delicate e competitivo nel prezzo)

Le tipologie di parquet per esterni possono essere di diversi formati. I listelli di dimensioni grandi esaltano gli spazi più ampi, mentre per piccoli balconi sono da preferire elementi dalle misure più contenute.

Per evitare che il parquet si deteriori velocemente a causa dei raggi solari e degli agenti esterni, una volta posato, è auspicabile optare per una finitura ad olio, anche se necessita di una cura costante. Per la pulizia giornaliera è necessario adottare prodotti professionali specifici per questo tipo di trattamento.

Una Valida alternativa alla pavimentazione in parquet per esterni è il w.p.c. (Wood Plastic Composites). Studi recenti sono riusciti a mettere a punto un nuovo materiale: il legno composito. Si tratta di una miscela di legno finemente spezzettato con l’aggiunta di resine. L’effetto ottico che ne risulta è simile al legno naturale, per colore e sfumature, senza dubbio i listelli risultano molto più resistenti e meno delicati del legno vero, rendendoli adatti anche alle zone più umide e a costante contatto con l’acqua come i bordi delle piscine.

Con le prime serate dal sapore estivo cosa c’è di più piacevole che pensare di invitare amici e parenti per una cena   in terrazza? Se vogliamo salvaguardare il pavimento e proteggerlo da segni di tacchi, macchie e usura pensiamoci fin da subito: il salvaparquet è quello che fa al caso vostro. Il miglior salva pavimento cristallino sul mercato; è strutturalmente innovativo, sempre trasparente come il cristallo, sottile ed estremamente resistente. Inoltre, può essere realizzato su misura e personalizzato con grafiche, disegni e scritte a seconda delle vostre esigenze e richieste personali.

Mandateci la vostra richiesta, ce la metteremo tutta per rispondervi al più presto. Sentitevi liberi di contattarci al telefono per qualsiasi informazione

[insert_ajaxcontact id=1624]

 

Parquet in Bagno

PARQUET IN BAGNO? OGGI E’ POSSIBILE !
parquet in bagno 2
Sempre più spesso si decide di utilizzare il pavimento in legno anche per la stanza da bagno, ma quali sono le qualità che deve avere un parquet affinché possa essere adatto a questo tipo di ambiente?

La prima cosa da non dimenticare è che i bagni sono ambienti estremamente umidi e con la costante presenza di acqua e quindi il materiale che andremo ad impiegare non dovrà essere permeabile all’umidità e tenero (per esempio Pino e Abete), ma saranno da preferire essenze come Doussiè, Merbau, Iroko e Teak meno soggette a rovinarsi a contatto con l’umidità.

Meglio senza dubbio un parquet prefinito e verniciato , il quale presenta caratteristiche di stabilità maggiori rispetto ad un parquet tradizionale. Grazie a innovative tecniche di produzione, quali il trattamento termico, alcune delle essenze lignee più economiche, come rovere e frassino, oggi possono essere impiegati in ambienti con umidità senza incorrere in problemi di sollevamento e imbarcamento dei listelli.

I diversi strati di verniciatura, sino a 7 di un parquet prefinito in fabbrica, offrono una maggiore resistenza, anche se non totale, ai graffi e usura del parquet.

Per un ambiente umido quale è il bagno, la tecnica di posa della pavimentazione in legno da preferire è quella incollata in quanto i listelli aderiscono meglio al sottofondo e non permettono ad eventuali fuoriuscite d’acqua, di penetrare in profondità nel massetto stesso evitando così formazioni di umidità. Inoltre, è consigliabile applicare del silicone al posto della spugna tra il muro e il contorno del pavimento in legno, il quale sigillerà perfettamente la fessura, ma essendo un materiale elastico permetterà ai listelli di avere il gioco necessario per le dilatazione e l’assestamento.

Come abbiamo visto il parquet è diventato un materiale molto versatile e utilizzato con migliaia di combinazioni di tipologie di legni, materiali, colori, forme e geometrie a nostra disposizione per soddisfare le esigenze più ricercate e per tutti i tipi di ambienti. L’importante è sin da subito pensare a come mantenerlo il più a lungo possibile bello e al riparo da usura, graffi, segni e macchie.

Sempre più persone utilizzano il Salva Parquet Originale ®, per proteggere il proprio investimento. Il ripristino del parquet a mezzo di lamatura, levigatura non è possibile effettuarle per più di una volta, il ridotto spessore dello strato nobile di legno vero del parquet prefinito non lo consentirebbe.

Mandateci la vostra richiesta, ce la metteremo tutta per rispondervi al più presto. Sentitevi liberi di contattarci al telefono per qualsiasi informazione

[insert_ajaxcontact id=1624]